In molti campi della medicina si assiste a dei notevoli balzi in avanti grazie alla potenza degli strumenti tecnologici e a nuove metodologie che incrementano le prestazioni. È ciò che succede per la cura dei denti e per la possibilità di dare sollievo a persone che non potevano accedere a determinate cure.

Quando ci riferiamo all’implantologia dentale ultimamente parliamo proprio di progresso tecnologico. Nel tempo si sviluppano nuovi prodotti e nuove tecniche che aumentano sensibilmente l’efficienza di un impianto dentale. In caso di edentulia si può tentare di risolvere il problema in maniera efficace per mezzo di un impianto che venga costituito attraverso la combinazione di impianti singoli. Questi vengono collegati all’arcata superiore oppure inferiore a formare un tutt’uno.

Questo genere di trattamento è utile per molti casi, in particolare un’implantologia profonda ha senso quando è rilevante la mancanza di denti e riguarda una o tutte e due le arcate. Il particolare target di riferimento, potrebbe essere rappresentato dagli anziani che hanno una carenza di tessuto osseo tale da costringerli a non poter utilizzare un impianto fisso tradizionale.

Il medico dentista valuterà con molta attenzione la funzionalità dell’arcata dentale e cercherà di trovare delle soluzioni di aggancio, valutando perfettamente la zona in cui fissare i perni, attraverso anche la ricerca della migliore inclinazione possibile. Ciò comporta senza dubbio una minore invasività che rende l’impianto ugualmente solido.

Come viene fatto un trattamento per un impianto fisso di ultima generazione?

La fase preparatoria ha molta importanza, si può dire che è decisiva ai fini dell’ottenimento di un risultato ottimale. Dal dentista si va per capire quali strade si hanno a disposizione per migliorare o risolvere un caso di mancanza importante di dentatura, sarà la sua esperienza a suggerire se avvalersi o meno di una protesi fissa evoluta.

La valutazione per applicare un impianto di protesi fissa di ultima generazione è un passaggio molto delicato in cui occorre accertarsi dello stato di salute della bocca del paziente. A confermare il tutto dovrà esserci un’indagine radiografica tesa ad appurare la quantità e la qualità del tessuto osseo. Viene fatta una vera e propria misurazione specifica della parte in questione.

Nella quasi totalità dei casi è sufficiente una anestesia locale poiché questo tipo di implantologia non è molto invasiva e si concretizza in tempi abbastanza rapidi, per lo meno rispetto al passato. Gli impianti da installare possono essere 4, ma si può arrivare anche a 6.

Come detto i tempi sono abbastanza rapidi e il ripristino della funzione della cavità orale si ha già dopo qualche ora.
Questo tipo di intervento viene anche definito mini invasivo poiché non comporta un lavoro odontoiatrico in profondità ed in troppi punti della bocca, inoltre il recupero avviene in tempi relativamente brevi. 
Nel riuscire a migliorare la tecnica implantologica, fino a questo livello, questo genere di tecnica ha avuto bisogno della tecnologia delle immagini computerizzate che provengono da fonte dati come la TAC del paziente.

Un’assoluta chiarezza del disegno mascellare porta a costruire una dima chirurgica che consente di avere un supporto medico fondamentale poiché guida con assoluta sicurezza e precisione la fase di impianto. In questo modo i tempi sono ridotti e l’intervento è meno invasivo.

Un passo avanti per tutti i pazienti che temevano l’impianto fisso invasivo

Per molti pazienti, che avevano l’incubo ad andare dal dentista per timore nei confronti dell’intervento chirurgico, si può dire che ora hanno una valida alternativa, meno invasiva e più veloce sia per l’intervento in se, che per i tempi di recupero.

Addentare un semplice panino o una tavoletta di cioccolato non sarà più un problema, questa soluzione li libera da un grande fastidio. I benefici non sono soltanto la velocità del recupero e del tempo necessario a impiantare il sistema fisso, ma riguarda anche un effetto psicologico che deriva dal fatto di tornare ad avere una funzione orale totalmente ripristinata.
L’odontoiatra specializzato in implantologia in pratica non fa altro che costruire delle radici artificiali che vengono fissate nella gengiva e che forniscono un ancoraggio sicuro. La dentiera risulta così stabile e duratura nel tempo.
Il paziente acquisirà quindi una ritrovata serenità ed una maggiore autostima. Questo tipo di intervento avviene quasi sempre in un’unica seduta. Nella stessa seduta viene anche fornito l’impianto di una dentiera provvisoria, in seguito verrà sostituita con quella fissa.

I vantaggi di un impianto fisso di nuova generazione

Molti dei vantaggi sono già descritti nel paragrafo precedente, altri invece sono meno evidenti ma altrettanto importanti per il paziente.

  • Innanzi tutto, i pazienti a cui era preclusa la possibilità di una protesi dentaria fissa, con queste tecniche innovative possono averla e da subito possono avvalersene recuperando in pieno le funzioni del cavo orale;
  • In secondo luogo la funzionalità estetica è la migliore possibile, grazie alla qualità dell’impianto e dei materiali utilizzati;
  • Mediamente, rispetto ad altro tipo di impianto fisso, questa soluzione risulta più conveniente e si rende utile anche per chi non aveva intrapreso una soluzione di impianto fisso tradizionale anche per un motivo economico;
  • Si può anche far notare che non occorre alcun trapianto osseo.
  • Questo sistema inoltre viene garantito a vita.

I perni che servono ad ancorare l’impianto su cui innestare la protesi sono fatti in titanio, l’unico materiale idoneo a garantire, tenuta e resistenza a vita.

Conclusione

La tecnologia sta facendo fare dei passi da gigante a molte branchie della medicina. Si susseguono le scoperte e le innovazioni nelle metodologie. Ce ne accorgiamo quasi per caso quando capita a noi o a un nostro parente dover risolvere un problema molto sentito e difficile, come l’edentulia.

Sono finiti i tempi in cui si doveva affrontare un periodo molto pesante in cui attendere che le ferite si rimarginassero. Mesi di sofferenze che oggi non sono più necessarie. L’odontoiatra specializzato è in grado di affrontare il tema dell’implantologia in maniera più efficace mediante la tecnologia. Il binomio tecnologia, competenze creano questa nuova possibilità.

Non resta che ritrovare fiducia e  serenità per risolvere in maniera definitiva una questione di salute non solo fisica ma anche psicologica, ciò che comunemente chiamiamo con il termine di equilibrio psico-fisico.