Capita nel corso della vita di doversi confrontare con un problema odontoiatrico, per cui si rende necessario arrivare a decidere cosa è meglio fare per sopperire ad una mancanza di qualche dente oppure di tutti i denti.

Il proprio dentista dovrà fare delle analisi e valutare per il meglio, e con ciò si deve includere anche il budget che si ha a disposizione poiché, alcuni tipi di protesi dentarie, hanno un costo non indifferente. Solitamente si dovrà optare per un impianto fisso oppure rimovibile, e nell’ambito di ciascuna categoria, a fare la differenza ci sono i costi dei vari materiali impiegati e la tecnologia adottata. Non bisogna dimenticare l’impatto dei software 3d che hanno iniziato ad essere utilizzati per lo studio degli impianti fissi.

In questo articolo ci occuperemo delle protesi dentarie mobili e del loro costo orientativo, tenuto conto che ci sono diverse soluzioni possibili da selezionare.
A differenza di una protesi dentaria fissa quella mobile non rimane in bocca per tutto il corso della vita di un paziente, ma può essere estratta quando si vuole, per effettuare le operazioni di piccola manutenzione e di igiene quotidiana. Questa differenza costituisce un impegno aggiuntivo necessario per la versione mobile.

La protesi dentaria mobile viene spesso associata alle persone più anziane, per effetto del fatto che gli è preclusa la possibilità di mettere la protesi fissa, a causa dalla scarsa disponibilità del tessuto osseo mascellare, oppure di scompensi cardiaci che suggeriscono prudenza. Infatti, un impianto fisso non avrebbe dove attaccarsi ed il peso degli impianti fissi che grava sull’arcata potrebbe essere eccessivo.

Ultimamente ci sono state delle evoluzioni che hanno portato alla ribalta nuove soluzioni tecnologicamente più avanzate. Questa nuova possibilità rende possibile un livello di comfort prima impensabile. Sono conosciute con il nome di protesi dentarie mobili senza palato. Si adattano ad ogni tipo di paziente ed hanno un impatto economico nettamente inferiore al costo di una protesi dentaria fissa. Se si prendono come termine di confronto le protesi dentarie mobili tradizionali il loro costo è leggermente superiore.

La protesi dentaria mobile può essere di due tipi

In generale la protesi mobile può essere parziale quando la si utilizza solo per un breve periodo ponte con quella fissa. Il materiale scelto di solito è la resina al posto della ceramica. La protesi dentaria mobile parziale poggia su denti naturali che vengono utilizzati come pilastri per sostenersi.

La protesi mobile totale invece è quella che comunemente chiamiamo dentiera. In pratica vengono sostituiti tutti i denti di un’arcata oppure di tutta la bocca.

Per valutare e comprendere appieno i costi relativi alla dentiera o protesi mobile, bisogna capire quali sono i materiali che vengono più comunemente utilizzati.

Le protesi dentaria possono avvalersi della ceramica che offrono un ottimo grado di resistenza e un livello di mimetizzazione perfetta del dente naturale. La preferenza per la ceramica rispetto al metallo è dovuta al sospetto che il metallo a lungo tempo possa rilasciare nell’organismo delle sostanze tossiche.

La resina è una sostanza nettamente più economica della ceramica ed ha un buon grado di imitazione del dente naturale. È abbastanza resistente e viene usata soprattutto per le protesi provvisorie.

I composti invece sono il materiale che si utilizza per fare le otturazioni ed è costituito da un insieme di materiali che imitano perfettamente il dente.

Come detto sopra, ultimamente si sono fatti dei progressi notevoli in quanto a tipologia di protesi mobile. Si tratta di una variante che ha notevoli vantaggi per diversi aspetti. Il primo è sicuramente che questo tipo di protesi è molto più stabile rispetto ad una protesi mobile tradizionale, la sua indossabilità e comodità permette al paziente di vivere la masticazione in maniera naturale. L’intervento per impiantare una protesi dentaria senza palato è poco invasivo.
Il paziente ne trae un gran giovamento di fronte ad un costo nettamente inferiore se paragonato alle protesi dentarie fisse, e di poco superiore rispetto alla dentiera tradizionale. Non vive più con la condizione ansiosa di avere denti traballanti ad ogni morso importante, e non viene avvertita la dentiera come un corpo estraneo, questo lo porta a dimenticarsi di avere una protesi. L’ancoraggio della protesi viene fatto agli impianti e alla gengiva con un grado di stabilità notevole.

Il grado di personalizzazione di una protesi dentaria in generale ne rende difficile una previsione attenta del costo finale. I materiale fanno la differenza, ma la fanno anche la necessità di compiere un’attenta analisi e procedere un passo alla volta.

Una classica dentiera totale in resina può costare dai 600 euro in su. Le protesi di ultima generazione invece hanno un costo superiore per via del fatto che devono comunque essere agganciate ad un piccolo impianto che viene realizzato sulla cresta mandibolare.

La fase di studio pesa di più per cui si può pensare che una valutazione possa oscillare tra i 1500 e i 2800 euro.
La tecnologia sta proponendo soluzioni innovative non solo come materiali ma anche come modalità di implantologia. Le implicazioni sono notevoli poiché si riesce a raggiungere un grado di precisione tale da aumentare ancora di più il comfort e ridurre nello stesso tempo la spesa totale.
La possibilità di moderare il costo può derivare anche da due altri fattori. Il primo è l’assistenza nazionale offerta dal nostro Sistema Sanitario Nazionale (SSL), e l’altro è la copertura assicurativa.

Conclusioni

A fronte di una necessità importante di sopperire alla mancanza di uno o più denti, la tecnica odontoiatrica offre diverse soluzioni. Le protesi fisse o mobili sono progredite parecchio migliorando sia i materiali utilizzati, che le tecniche di impianto. Il riflesso si è avuto anche sui costi che da qualche tempo sono calati.

La possibilità di scegliere tra un impianto fisso ed uno mobile non è più dettato dalla mancanza di budget disponibile, oppure da una deficienza a livello di tessuto osseo mandibolare, questo grazie alle protesi mobili senza palato. La stessa associazione tra anziano e dentiera traballante ed insicura si può dire archiviata per sempre. Spetta quindi allo studio dentistico personalizzare sia la cura che la spesa avendo a disposizione più possibilità.